IL MUSEO CIVICO DELLA CERAMICA ‘GIUSEPPE DE FABRIS’

La ricca collezione fornisce un’ampia documentazione sulla varietà di stili, decori e materiali adottati nella produzione delle ceramiche novesi, bassanesi e del territorio vicentino a partire dal Seicento fino ai giorni nostri. Sono inoltre esposte manifatture di Venezia, Treviso, Este, o esemplari di altre regioni, Toscana, Lombardia, Trentino, Liguria e dall’estero, Germania, Francia e Olanda. Sono così rappresentati tutti i più importanti tipi ceramici utilizzati nel Veneto: terrecotte, cristalline, maioliche, porcellane, terraglie, semirefrattari e grès. Le tipologie degli oggetti sono estremamente varie: dalle ceramiche di uso domestico, come tazze, zuppiere, vassoi, crespine, rinfreschiere, salsiere, alzate, boccali, calamai, ai gruppi figurati allegorici, mitologici, a soggetto religioso, arcadico o agreste. I pezzi della collezione mostrano inoltre tra i più rilevanti decori finora individuati: dal quello tipo Delft, con grande fiore bleu, con paesaggio, tipo Rouen, bordo cinese, a fiori recisi, imari, a ponticello o persiano, “a blanser”, “a frutta barocca”, alla rosa, “ad uso di marsiglia”, a trompe-l’oeil, con stemmi nobiliari. Nella sezione di opere contemporanee spicca per importanza il prezioso “Nucleo di ceramiche”, circa trecento pezzi premiati ai vari Concorsi del Salone Internazionale della Ceramica dal 1949 al 1975, concesso in deposito permanente a Nove dall’Ente Fiera di Vicenza.
Il percorso museale si articola su tre piani, iniziando dall’alto con le ceramiche più antiche, procedendo con la sezione dedicata all’Ottocento al primo piano e per finire al pianoterra con le opere del XX secolo fino ai nostri giorni, la collezione di cuchi e lo spazio per le mostre temporanee.

Pompeo Pianezzola, Gabbie con uccelli, 1951, Dep. Permanente Ente Fiera n.32

Grande Piatto in terraglia, dipinto da F. Troyer presso la Man. Antonibon, fine ‘800, Inv. 1987.48

Piazza Giuseppe De Fabris, 5 – 36055 Nove VI
Tel. 0424 597550 int. 5 museo@comune.nove.vi.it www.museonove.it
Dal martedì al sabato 10:00-13:00, domenica e festivi 14:30-18:30.
Visite guidate e laboratori su appuntamento.

FAME CONCRETA UN PODCAST PER RACCONTARE IL MUSEO

D’ora in poi sarà possibile ascoltare la storia della tavola veneta seguendo il tema del cibo nell’uso, nella decorazione e nella rappresentazione scultorea degli oggetti in ceramica, grazie ad una audioguida tra il Museo della Ceramica di Nove, quello di Bassano del Grappa e quello del Liceo Artistico De Fabris.
Fame concreta è un osservatorio permanente finalizzato a far emergere tutti i progetti che legano il mondo del buon cibo a quello della ceramica; è un progetto di AiCC Associazione Italiana Città della Ceramica e Martina Liverani nell’ambito di Mater Ceramica. L’obiettivo è di valorizzare il connubio tra ceramica ed alta cucina, narrando buone pratiche, esempi e situazioni che siano di ispirazione per il mondo produttivo e artigianale. Fame Concreta racconta le storie di chef, ceramisti e di territori. Propone dei podcast dedicati alle migliori collezioni dei musei della ceramica italiani, arricchiti da inediti percorsi di visita fra la storia dell’arte e la presentazione del cibo nelle corti rinascimentali, con uno sguardo al contemporaneo.

Bossa Buffona, maiolica, Man. Antonibon, II metà ‘700, Inv. 1989.14

https://www.fameconcreta.it/podcast-nove-bassano/ https://www.museonove.it/pages/podcast/

UN MUSEO A MISURA DI BAMBINO
“NOVE KIDS” E “TURISTI NON PER CASO”

Quest’anno, grazie ad un contributo di Cariverona, abbiamo realizzato la cartellonistica interna al museo con un’attenzione speciale ai più piccoli. Un percorso didattico accompagnato da un piccolo CUCO, un fischietto di terracotta tutto blu e con il marchio Nove, che invita i visitatori a seguirlo tra i decori e gli stili di questo splendido museo! Nei pannelli sono presenti alcuni disegni di Giulia Perin Scarabisso, che illustra le fasi della decorazione ceramica nei diversi secoli.
Inoltre, grazie ad un progetto per il “Potenziamento dell’educazione al Patrimonio Culturale, Artistico, Paesaggistico” promosso dall’ Istituto Comprensivo Statale “P. Antonibon”, abbiamo allestito una piccola mostra con i disegni fatti dai bambini dopo aver visitato il museo ed alcune fabbriche storiche di Nove. I disegni, a fianco dell’opera ritratta, ci aiuteranno a riscoprire il museo dal loro punto di vista! L’obiettivo di “Turisti non per caso” è stato quello di far maturare la curiosità, il rispetto e il senso di appartenenza verso i beni del nostro territorio. Il progetto è stato condotto dalla dott. Elena Agosti con il supporto del prof. Fabio Calvarano e rientra nei Progetti Europei PON/FSE 2014/2020.

Grande vaso con aquila e coccodrillo modellati a tutto tondo in terraglia, Man. Antonibon, ultimo quarto sec. XIX, Inv. 2002.08