“MYTHOS. Le origini di Pegaso” di Angelo Zilio

Un evento spettacolare pensato nell’ambito della mostra “Pegaso, il volo continua” di Angelo Zilio. Una performance che realizza, tramite una cottura scenografica, uno dei concetti sottesi alla figura mitologica di Pegaso: da una apparente sconfitta nasce una nuova possibilità.

Il forno, che sarà posizionato nell’area fuochi diretta da Fabio Poli, non sarà solo un mezzo per la cottura delle sculture ma diventerà una prestazione che racconterà il mito di Pegaso: una sorta di immagine antropomorfa che verrà dipinta e da cui si estrarranno altre sculture in un continuum narrativo.
E’ prevista infatti la costruzione di un forno temporaneo con l’uso di carta e argilla all’interno del quale verranno posizionate delle sfere di circa 30 cm di diametro. Raggiunta la temperatura di 980/1000°C si procederà all’apertura del forno tramite rottura, le sfere quindi saranno estratte e fatte rotolare sopra un’asse di legno sulla quale si incendieranno fino ad arrivare ad una pozza d’acqua, appositamente creata, in cui si frangeranno. Quel che accadrà dall’impatto con l’acqua fredda sarà una sorpresa che ancora non si può svelare… Lo spettacolo è assicurato!

L’esperienza di questo forno sperimentale, è un evento unico mai presentato prima, ovvero l’evoluzione di quello realizzato da Angelo Zilio e altri artisti lo scorso 8 giugno per il Museo della Ceramica G. Gianetti di Saronno (VA).
 
Sabato 7 settembre ore 22.00
Piazza G. De Fabris
 

FUOCO E COTTURE SPERIMENTALI

Nell’area fuochi, che sarà attiva già da venerdì sera, si susseguiranno molto altri eventi e cotture a legna, che faranno da contorno alla performance Mytos di Angelo Zilio. Tra questi un forno con apertura incandescente a tulipano, contenente oggetti creati da Bobbe (Roberto Guerri) e Silvano Latini, a cura del “Cortile Latini”, ed altre cotture sperimentali di alcuni giovani fuochisti del territorio.